Masticationpedia è composto da un gruppo di medici, dentisti e altri professionisti come ingegneri, matematici o fisici che, dopo una vita trascorsa in professionalità e ricerca scientifica hanno maturato l'idea di trasferire parte del loro know how all'umanità. Cercano di stimolare nuove ricerche e incoraggiare nuovi studi attraverso uno degli strumenti di comunicazione più clamorosi e democratici del secolo scorso: il Wiki.

Benvenuti dal Direttore

Dott. Gianni Frisardi

Cari amici,

 

il mio più caro benvenuto al Progetto Masticationpedia e alla sua wiki.

Questo sito è uno strumento di comunicazione, e allo stesso tempo un luogo di collaborazione tra coloro che sono interessati allo studio delle possibili evoluzioni della Medicina, in particolare dell’Odontoiatria, e per questo è un sito altamente interattivo; un “wiki” [1], infatti, per espressa scelta.

È il wiki della Charity, organizzazione legale britannica senza fini di lucro che si propone di coltivare gli studi e gli approfondimenti delle Discipline Mediche nel campo della masticazione (masticazione in inglese e nella letteratura scientifica, da cui il nome).

Per chiarire perché Masticationpedia, e per quale scopo potrebbe rispondere, potremmo partire da un punto di filosofia della scienza, ricordando che non sempre nella storia dell’umanità ci sono state risposte inequivocabilmente certe, perché una risposta può essere oggi coerente e inconsistente Domani; e viceversa. Socrate, probabilmente il primo ad interessarsi alla gnoseologia, diceva che l’essenziale è l’intuizione, e con essa è perseguire il progresso della conoscenza attraverso la discussione.

Masticationpedia in questo senso è essenzialmente, per usare le parole di Feyerabend, un “Processo Anarchico”[2] in cui colleghi, scienziati e ricercatori donano una parte delle loro conoscenze nel campo delle neuroscienze dell’apparato masticatorio e della riabilitazione orale; è questa forma di dono, il primum movens del progetto. Allo stesso tempo, questo processo attua il progresso della Scienza di Base perché non è impegnato a raggiungere obiettivi editoriali strategici predefiniti come “Open Access”, né a pesi scientifici non specifici come “Fattore di impatto”[3].

Il principio di questa iniziativa, quindi, è quello di sensibilizzare i colleghi ad apprezzare il dono dell’intelligenza come un “processo empatico” in cui tutti si riconoscono perché il progresso della scienza cresce esponenzialmente solo attraverso le “innovazioni paradigmatiche”, tipiche dell’umano geniale e assolutamente non paragonabile alle “Innovazioni Incrementali”.

Mi auguro che i contenuti che qui presentiamo e produciamo siano chiari e comprensibili a tutti, soprattutto ai pazienti; purtroppo non sempre è possibile semplificare, le materie che trattiamo sono complesse e altamente specializzate, e prima di tutto dobbiamo affrontarle, e di conseguenza ne parliamo, con linguaggio scientifico. Spero che questo non venga letto come un’esclusione, perché lo scopo del progetto è l’opposto; ma vorrei ringraziare anticipatamente tutti coloro che collaboreranno per chiarire i passaggi più difficili, e aiutarci nel fornire le risposte che saremo lieti di fornire. Il progetto è dedicato ai pazienti, questo è un caposaldo immutabile di tutto ciò che leggerete qui.

I migliori saluti

Firma Frisardi

Crediamo che non sarà breve ma incoraggerà la dialettica della ricerca, le collaborazioni accademiche e la diffusione della conoscenza di cui chiunque può beneficiare liberamente. Non portiamo online un prodotto scientifico finito e preconfezionato. Offriamo umilmente un punto di partenza, costruito da tempo, per lo sviluppo di nuove conoscenze scientifiche e la crescita della disciplina che si evolverà nel Wiki per poi condensarsi in una sezione di formazione attraverso la ‘Academy‘ in cui si può apprezzare il valore aggiunto sia del Benefit sociale indiretto, come già esposto, che del Benefit sociale diretto con la realizzazione di un Masticationpedia Network.

 

Bibliography

  1.  A “wiki”, according to Wikipedia’s definition, is «a knowledge base website on which users collaboratively modify and structure content directly from a web browser»

  2. Paul Feyerabend in Stanford Encyclopedia of Philosophy: First published Tue Aug 26, 1997; substantive revision Mon Aug 24, 2020

  3. See The Guardian, Nobel winner declares boycott of top science journals (interview: Randy Schekman), and Fulci Roberta, «Una wikireview per gli articoli scientifici», in Le Scienze, Scientific American, 2012.